YouTube

A ciascuno il suo social network: come li utilizzo e perché

Avevo in mente di parlarvi di cosa penso dei social network già da un po’. Proprio ieri, Fabio mi ha fatto notare come la mia attenzione si concentri maggiormente su un social ciclicamente. Ed è vero!

Ogni tot tempo vengo rapita dalle funzionalità di una piattaforma, poi mi stufo e passo ad altro. Ecco perché, ad oggi, non posso più dirvi qual è il mio social network preferito.

Vorrei però raccontarvi quali piattaforme utilizzo di più e perché. Non voglio fare per forza una lista dei pro e dei contro, ma motivare la mia presenza su così tanti social.

come-uso-i-social-network

Social Network vuol dire anche lavoro

I social network fanno anche parte del mio lavoro e, infatti, li concepisco in maniera un po’ differente rispetto alla maggior parte di voi.

Facebook, Twitter, Instagram, ecc, sono sicuramente degli ottimi canali per mantenere i rapporti con le persone che conosciamo. Condividiamo foto, tagghiamo amici, ci facciamo due risate. Ma sono molto più di questo: sono uno strumento davvero utile per le aziende o per i liberi professionisti, per creare contatti, farsi conoscere e soprattutto rapportarsi con il proprio pubblico.

Dove mi trovo io rispetto a queste due fazioni? Esattamente nel mezzo!

Utilizzo i miei profili social per condividere ciò che faccio con questo sito, con il canale YouTube, ma mi piace anche interagire con voi, con altri youtuber o blogger.

Concludo questa ormai troppo lunga introduzione dicendo che quando parlo di Facebook, mi riferisco alla pagina pubblica e non al profilo privato.

Facebook

pagina-facebook-in-cucina-con-zecca

Con il senno di poi, posso dire con certezza che Facebook è davvero il miglior social tra tutti. Ma visto che alcuni di voi potrebbero storcere il naso o dire che parlo per frasi fatte, aspettate che vi racconti perché la penso così.

Io utilizzo la mia pagina Facebook principalmente per condividere le nuove ricette o articoli del blog, vi avviso quando ho caricato un nuovo video su YouTube, ricondivido le immagini che posto anche su Instagram (non sempre). Fin qui tutto normale.

La svolta su Facebook l’ho vista da quando anche io ho iniziato a preparare dei micro video anteprima delle ricette presenti sul canale YT. Ho avuto un buon feedback da parte vostra e la mia pagina risulta subito più interessante.

esempio-post-facebook

Ciò che mi piace di Facebook è che mi permette di condividere link senza pensare al limite dei caratteri presenti nel post. Appare una bella anteprima dell’articolo, e posso addirittura scegliere tra le immagini quella da allegare al link.

E’ in assoluto il social su cui mi viene più semplice postare gli aggiornamenti del blog ed è anche la fonte maggiore di visitatori del mio sito, dopo le video ricette di YouTube.

Tuttavia, Facebook non è tutto rose e fiori. La visibilità sulle bacheche degli utenti è davvero dura da raggiungere. A meno che il vostro pubblico non sia super fidelizzato alla vostra pagina, molti contenuti non verranno mostrati. Per questo esistono le sponsorizzazioni dei post.

Twitter

Ho parlato di limite di caratteri, che è la caratteristica che contraddistingue Twitter dagli altri social network.

Persone come Fabio (logorroici di natura) odiano questo social proprio per questo motivo. Io invece lo trovo molto utile, soprattutto per seguire e mantenere i rapporti con gli esperti di settore.

twitter-selene-verdoglia

Su Twitter seguo esperti SEO, social media manager, food blogger, enti locali. Così posso rimanere aggiornata sugli eventi e sulle novità riguardanti il mio lavoro.

Trovo che la fruizione di contenuti sia molto più diretta e meno dispersiva. A differenza di Facebook, dove le troppe immagini e gif distolgono l’attenzione dai link utili.

Quindi, un po’ scomodo per la pubblicazione, ma top per la fruizione!

Cosa pubblico su Twitter? Sul mio profilo potete trovare i link agli articoli, ai video, ma anche brevi pensieri e condivisioni sul mondo social e del digital marketing.

Google+

google-plus-selene-verdoglia

Tanto odiato ma altrettanto incompreso. Il povero Google+ non se lo fila proprio nessuno!

Però non bisogna ignorare che una piccola nicchia di utenti lo utilizza. Ed è per questo che sono presente anche su questo social network.

Trovo che sia molto interessante navigare all’interno delle community. Inoltre, con l’introduzione delle raccolte, gli utenti possono seguirti per argomento.

Per ora ho creato due raccolte: Ricette e Tokyo. In “Ricette”, come si può capire, condivido tutte le nuove ricette che potete trovare sul canale, ma anche sul blog. In “Tokyo” ho racchiuso tutti i video inerenti al nostro viaggio in Giappone.

Ammetto di non essere troppo presente su questo social, ma conto di incrementare la pubblicazione.

Instagram

Instagram è “le foto”. Cosa pubblichi su Instagram? Le foto.

C’è stato un periodo in cui ero molto presa da Instagram e condividevo davvero di tutto. Ora mi sono data una calmata e pubblico il necessario. Vado in un bel posto? Foto. Sono in compagnia di qualche amica? Foto. Nuova ricetta? Foto.

Oltre alle foto, già da alcuni mesi, ho iniziato a condividere i video anteprima delle mie ricette. Il problema è portare poi gli utenti da Instagram al contenuto esterno.

instagram-selene-verdoglia

Trovo che il più grande limite di Instagram stia proprio nell’impossibilità di condividere link. Ogni volta devo modificare l’unico link presente nella biografia del profilo e rimandare la gente là. Scomodo per me, ma anche per l’utente stesso.

Tuttavia, sono molto contenta quando mi taggate e vedo le foto delle mie ricette riprodotte da voi!

Pinterest

Perché sono su Pinterest? Per lo stesso motivo per cui sto su Google+: le nicchie. Ho creato le mie board in cui ho raggruppato le mie ricette, ma anche gli articoli visivamente utili presenti nel blog.

Trovo che sia molto difficile seguire le persone su Pinterest, perché i post si confondono tra le mille foto di argomenti che segui e alla fine non capisci più chi condivide cosa. Per questo non seguo molti profili su Pinterest.

Questo social, però, mi piace molto per raccogliere idee per nuove ricette o per qualche lavoretto.

Snapchat

Concludo questo post lunghissimo parlando brevemente di Snapchat.

Questo social, nell’ultimo anno, sta avendo un successo enorme anche in Italia e anche io alla fine ho ceduto.

Trovo che sia molto carino per condividere momenti della propria giornata, senza per forza aver bisogno di filmare un vlog intero. E’ diretto, semplice da usare, ma assolutamente non intuitivo.

Trovo che l’app sia ancora molto migliorabile, ci sono molti bug, come notifiche che si ripetono, messaggi che scompaiono ancora prima di essere letti.

Su Snapchat condivido attimi delle nostre giornate, anteprime sui prossimi video, backstage, vi avviso quando pubblico qualcosa di nuovo online. Tolto tutto questo, trovate principalmente cavolate. Snapchat è fatto per intrattenere in maniera frivola, quindi va bene così.

 

Ma Selene, tutto questo per dirci? Per dirvi che se vi dico “seguitemi qui, là, su e giù” è perché potreste trovare contenuti differenti su ogni social network!

 

Vorrei concludere il post chiedendo a voi, qual è il vostro social preferito? Quali sono i social a cui siete iscritti ma non usate quasi mai e perché? Fatemi sapere la vostra!